Veneto Siti

Pubblichiamo con grande piacere una poesia in dialetto veneto di un nostro vecchio amico su Veneto Green City. Una limpida sintesi storica e antropologica. Protesta poetica, lucido e amaro disincanto, proposta accorata.
Un grazie quindi a Gigi e … moemoghea de stare siti!

Veneto… siti
No se fa bacan da ste parti,
se tase e se eavora,
ea nona col rosario, ea poenta brustoeà,
ne gà eassà na bea eredità,
siti, muti, cai soe man, schina rota daea fadiga,
el prete, el paron
i gà sempre rason…

Finia ea guera, via coea ricostrussion,
ze rivà e fabriche e anca qualche scheo,
eora buta zo tuto, anca queo che ghe gera de beo.
Taja albari, stropa fossi, sfalta trosi e stradee.
Na bea caseta fata col cognà al sabo e aea domenega:
coerto aea mericana, cesso dentro,
rotoeanti in plastica e mobii in formica.
Chel rudare coi archi e chea toea de nogara,
assemoi cascare e demoghe fogo,
che, ze da vergognarse de essare stai cossì poareti.
Passiensa! Pal progresso bisogna pure perdere calcossa.

Ma ormai, ai veneti, ghe gà ciapà ea man,
eora via coe zone industriai e coi centri residensiai,
anca el paeseto pi scalcagnà
el se gà dà da fare, par no essare l’ultimo dea coà:
capanoni, case a schiera, condomini,
paesi tuti uguai, ne carne ne pesse,
un campo ogni tanto e el resto cemento.
E tuti siti…
Tanto ghemo i schei,
ma co casca do giosse, tuti soto acua,
eora zò pianti e maedission.
E intanto stropa i ultimi fossi
fa condomini, capanoni, centri comerciai…

Desso, coea crisi che ze rivà,
capanoni sarai, quartieri novi mezi vodi,
zente desperà.
Uno che varda da fora, el pensa:
I se chietarà?
I gavarà capio che i gà esagerà?
Machè, gnente da fare, vanti sempre.
Strade, bretee, sinture, passanti
casei, capanoni, ipermercati, condomini
el Veneto gà da deventare na unica metropoi,
sensa remission.
Sensa interrussion.
De tera ibera,
pa osei, pa piante e pa cristiani,
gnanca parlarghene!
E ze soeo manie de quatro sfigai,
che i ghe crede ancora al bisogno de posti naturai.

Pena fora dae contrade, za moribonde e sassinae,
Sentì sta gran idea, moderna e geniae,
femo su na bea city artificiae.
On paese dei baeochi,
par tanti bei pinochi,
che presto i deventarà mussi o ochi.
El paradiso dove trovare
tuto queo che uno poe sognare.
Qualche toneata de cemento no guasta
so chee tere perse, che no ga futuro,
e pò piantaremo anca albari de sicuro,
e ghe daremo eavoro a tanta zente.
“Noaltri semo el progresso e staltri no capisse gnente”

Qua me fermo coea descrission
e passo a dire a me opinion:
Se questo ze el progresso,
ea fiosofia de desso,
me pare che semo fora,
e voemo soeo che sti posti mora,
a quei che vegnarà,
ghe assaremo scoasse a volontà,
e i podarà pensare:
Quei gera semi!
Sensa paura de sbagliare.
So drio rivaeutare Atila e anca e cavaete,
parchè, davanti a noaltri, e ze dee pie suorete.
Qua ghemo a che fare co zente ingorda, avida,
co na losca conbricoea, corota e squaida,
pai schei i tombaria el Brenta, e vile coi so fregi
e i spianaria i parchi pa far dei bei parchegi.

Par finire, e scuseme pal diaeto,
voevo fare on invito più direto.
Davanti a sta schifessa, che sarà veneto city,
anca se on fià tardi, moemoghea de stare sempre siti!

Gigi Artusi

Luglio 2011