NO-TAV & STOP ORTE-MESTRE

NO TAV-1
Legambiente ha aderito alla mobilitazione promossa dal movimento NoTav del prossimo 22 febbraio. In Veneto, in altre regioni e a livello nazionale, come sapete, siamo attivi all’interno di alcune reti, assemblee e coordinamenti che a loro volta hanno deciso di aderire. Abbiamo cercato di portare ovviamente il nostro contributo in tutte le sedi, per promuovere adesioni che tenessero in considerazione i tanti punti di vista.
Stop Or-MeLa nostra adesione associativa, promossa da Legambiente Piemonte e che trovate qui di seguito, è un modo per evidenziare la solidarietà di tutta Legambiente verso chi difende il proprio territorio da abusi e violenze e per sottolineare le nostre motivazioni in modo chiaro, anche all’interno delle varie reti, a prescindere da quale grande opera sia in discussione.

Gigi Lazzaro
Presidente Legambiente Veneto

Legambiente raccoglie l’appello del movimento No Tav per una giornata di mobilitazione nazionale il 22 febbraio contro le grandi opere inutili e il consumo di suolo

In questi giorni segnati da tragici eventi legati al dissesto idrogeologico è ancora più lampante la contraddizione del nostro Paese nel procedere con investimenti legati a grandi infrastrutture, inutili e pesantemente impattanti per il territorio, trascurando invece le vere necessità del Paese.
La vera emergenza e la grande infrastruttura di cui l’Italia ha bisogno non è la linea ad alta velocità Torino-Lione o le numerose nuove autostrade previste in molte regioni ma è la manutenzione e la messa in sicurezza del territorio per la mitigazione del rischio idrogeologico.
Nonostante a parole le priorità d’intervento per la messa in sicurezza sembrano condivise da tutti, così come lo stop al consumo di suolo, si stenta a passare dalle parole ai fatti, procedendo invece con grande determinazione nell’avvio dei cantieri legati alle grandi infrastrutture e, al contrario, fermandosi ai soli proclami nella direzione opposta.
Contraddizione ancora più lampante in Piemonte dove procedono i lavori per il raddoppio autostradale del Frejus e a Chiomonte per il tunnel geognostico della TAV mentre si taglia in modo massiccio il servizio ferroviario pendolare, riducendo pesantemente il servizio e sopprimendo ben 12 linee regionali. Situazione analoga nel resto d’Italia dove a farne le spese sono i 2,9 milioni di pendolari che ogni giorno fanno i conti con tagli ai servizi e aumento dei biglietti.
Allo stesso modo il tema del consumo di suolo è ormai al centro dell’attenzione ma siamo ancora lontani da un cambiamento reale nelle pratiche d’intervento, nonostante la crisi del mercato edilizio e il disegno di legge sul consumo di suolo approvato a dicembre dal Governo.
E’ preoccupante inoltre come nel caso del movimento No Tav in Valsusa si ricorra al ricatto economico. Una pericolosa e pessima abitudine che colpisce pesantemente anche le associazioni e i comitati, che inasprisce il dissenso e che va contrastata. Anche per questo motivo va allargato il fronte di chi si mobilita contro l’eccessiva cementificazione e la costruzione di grandi infrastrutture non utili per il Paese, in modo da aumentare la consapevolezza e la sensibilità delle persone su questi temi.
Legambiente raccoglie quindi l’invito del movimento No Tav per la giornata di mobilitazione del 22 febbraio partecipando e organizzando iniziative sul territorio per ribadire ancora una volta la necessità di porre un freno al consumo di suolo e alle grandi opere, destinando invece le opportune risorse alla messa in sicurezza del territorio e ad una mobilità sostenibile per il nostro Paese.

Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente
Fabio Dovana, presidente Legambiente Piemonte